mercoledì 25 febbraio 2009

La modella della settimana: Gufina (Suicide Girl)

















Vi avevamo promesso una serie di "special" con articoli dedicati alle oramai famosissime "Suicide Girl", ed eccoci già al secondo appuntamento!
Dopo l'intervista di settimana scorsa a Giulia, che ha raggiunto picchi di visite da record, eccovi un'altra SG italiana, nome d'arte Gufina.
Di cose da dire ne ha parecchie, come vedrete!
Fateci sapere se questi articoli a tema vi piacciono, perchè potremmo presto servirvene altri :-)
- - -

Benvenuta su “Sotto i Riflettori”! Spero che la nostra lunga intervista ti faccia piacere…

Molto piacere!

Una domanda banale per iniziare: come stai?

Benissimo. È un momento della mia vita particolarmente positivo.

Veniamo al dunque: tu sei una della cercatissime “Suicide Girls”. Puoi dirci in cosa consiste esattamente?

Suicidegirls è un sito americano nato diversi anni fa, creato da Missy Suicide, una ragazza “alternativa”, che ha avuto l'idea di creare un sito per mostrare lei e le sue amiche (altrettanto alternative, piene di tatuaggi e piercing) nude, senza pudori. Attualmente, nel sito sono attive circa 1400 ragazze da tutto il mondo. Io tra le italiane sono proprio l'ultima arrivata! Sono stata promossa suicide a dicembre!

Come sei diventata una Suicide Girl?

Per diventare Suicidegirl si segue un “iter”. Mandi tue foto (non nuda, foto qualsiasi) al sito, spiegando il motivo per cui vorresti fare la SG. Passata questa prima scrematura, contatti un fotografo (che può essere un fotografo ufficiale del sito, come Albertine, o come Akemi, la ragazza inglese con la quale ho lavorato io), prepari un “set” (una cinquantina di foto, che raccontano una “storia”, volendo, e partono con la ragazza vestita concludendosi con il nudo) e lo mandi a SG. Quindi loro possono decidere di acquistarlo subito, o metterlo nella sezione “member review”, una novità di qualche tempo fa. In quest'ultimo caso, il set viene valutato dagli utenti del sito, comprese le altre ragazze e i fotografi. Se piace, diventi una Suicidegirl a tutti gli effetti! Per me è andata così, il mio set è andato in member review di sabato e lunedì notte sono diventata SG! Il sito mi è sempre piaciuto, da quando l'ho scoperto nel 2006. Un po' mi dispiace di averci messo così tanto a trovare il coraggio di provare a fare la modella per loro!

Essere “alternative” è una scelta di vita o un modo per farsi notare?

Può essere entrambe le cose... sia una scelta di vita che un modo per farsi notare. Poi dovremmo capire cosa intendi con “alternative” e potremmo parlarne per una giornata intera!

Cosa fai invece nella vita di tutti i giorni?

Faccio la traduttrice... di fumetti!

Qual è la più grande soddisfazione artistica che hai avuto finora?

Per me suicidegirls è stato un “traguardo”. Era da un annetto che posavo, quando ho provato a diventare una delle ragazze del sito. E, beh, è stata una grande soddisfazione. Tra l'altro, ho avuto modo di incontrare le altre ragazze italiane e devo dire che sono tutte simpatiche, dolci e disponibili.

Ricordi la prima volta che hai posato? Qual'era il tuo stato d'animo?

È stato a dicembre 2007, chi se lo scorda! Il fotografo era un amico di myspace da diverso tempo... e da diverso tempo mi chiedeva di posare! Ma io non ero tanto convinta. Meno male ha insistito tanto! Devo dire che prima del set ero parecchio nervosa... poi ho scoperto subito quanto mi trovo a mio agio davanti alla macchina fotografica!

Oltre alla fotografia, ti piacerebbe sperimentare qualche altro campo artistico? (cinema, TV, musica, teatro etc etc)

Devo ammettere che mi attrae molto l'altra sponda della fotografia, in questo momento. Intendo che mi piacerebbe cominciare a provare a scattare foto personalmente, anziché essere solo il soggetto ripreso. Credo che proverò al più presto! Per quanto riguarda tutto il resto, sono timida a livelli colossali... quindi per ora non mi sentirei pronta ad affrontare qualcosa come una diretta TV!
Sapresti dirmi, più o meno, quante proposte di lavoro da modella ricevi in un mese?

Dipende dal mese... arrivano anche a una decina. Valuto ogni proposta, però cerco di lavorare solo con chi ha belle idee o con chi mi piace come fotografo. Ormai il mio book l'ho costruito, non avrebbe senso fare cose che proprio non mi interessano.

Cosa ne pensi di Internet come mezzo per proporti e per trovare lavoro in questo settore?

Internet è FONDAMENTALE. Aiuta a farti conoscere. E ti dà una grande possibilità, quella di poter contattare praticamente chiunque. È come avere una rubrica del telefono piena di numeri di persone importanti!

Quali rischi corre una modella alle prime esperienze? È vero che “là fuori” ci sono un sacco di persone poco raccomandabili?

Io ho sentito altre ragazze parlarmi di brutte esperienze. Per quanto mi riguarda, fortunatamente, non è andata così. Diciamo che non essendo una ragazzina, ho agito sempre in modo piuttosto oculato. Ho sempre lavorato con fotografi che avevano già scattato amiche o altre modelle che potevo contattare per avere informazioni. Questo è un consiglio che potrei dare a tutte quante... se vi interessa cominciare a posare, guardate le foto di altre ragazze e scegliete fotografi con cui hanno lavorato loro, chiedendo magari anche un consiglio.

Quanto conta la tua bellezza per raggiungere obiettivi importanti nella vita?

Beh... molto? Però io onestamente non mi giudico bella... di certo particolare, e tanto mi è bastato per cominciare questa “carriera”.

Cosa ti spinge di più a fare esperienze come modella: la possibilità di buoni guadagni, o la volontà di essere ammirata, fotografata?

Il mio lavoro mi costringe a stare in casa, a lavorare davanti al pc. E quindi col tempo ho cominciato a sentirmi un po' frustrata... avevo bisogno di qualcosa di “artistico” per esprimermi (sono laureata in disegno industriale, ho sempre voglia di inventare cose nuove: trovare l'idea per un set fotografico è divertente quasi quanto creare un vestito o un gioiello!), e così ho provato. Guadagni? Spesso capita, ed è un piacere... ma di certo non conto su di questo lavoro per arrivare a fine mese!

Perchè, a tuo parere, alcune aspiranti modelle pensano al nudo come a qualcosa di “sporco”? Dal canto nostro possiamo dire che, se è ben fatto, è davvero la forma d'arte fotografica più coinvolgente. Eppure molte (e molti) tendono a confonderlo con la pornografia.

Guarda, onestamente non sono una grandissima fan del nudo. Se fatto bene hai ragione, è spettacolare... ma anche fatto meno bene, dipende da ciò che cerchi quando guardi un nudo. Per quanto mi riguarda, se posso evitare di posare nuda, preferisco. Spero sempre di dare a chi guarda qualcosa in più del semplice corpo nudo.

Qual è, se esiste, il limite del pudore, secondo te?

È semplicemente un limite personale. Non giudico nessuno, dall'attrice porno a chi preferisce farsi vedere nuda solo dalla persona che ama.

Come si abbina il lavoro di modella con la tua vita privata? Riesci a conciliare amicizia, amore con i tuoi impegni davanti a una macchina fotografica?

Ci riesco tranquillamente! Sono una brava organizzatrice, riesco a raggruppare anche 3 o 4 set fotografici in un weekend lasciando comunque tempo per divertirmi. E poi lavorando da casa come freelance, fortunatamente posso gestirmi il tempo come più mi piace.

C’è un messaggio che vorresti fare trasparire assolutamente a chi ti ammira, conoscendoti solo attraverso l’immagine delle tue foto? Oppure si tratta solo di provocazione?

Non vorrei che la gente si fermasse a ciò che vede... mi sono arrivate voci di persone che pensano che me la tiro, ecc... beh, chiunque può fare ciò che faccio io. E farlo mille volte meglio, se vuole. Io l'ho fatto, per scherzo, per sfida... fare foto mi diverte, mi rilassa e mi sta facendo conoscere tanta gente interessante.

Come definiresti il tuo carattere?

Sono timida ed estremamente riservata... arrossisco per nulla! Ma quando mi arrabbio nessuno mi ferma, e tiro fuori le unghie. Infatti il mio consiglio è sempre quello di non farmi arrabbiare.

Fin dove saresti disposta ad arrivare, per raggiungere i tuoi obbiettivi professionali? C'è un limite, o ritieni che i limiti siano per chi non è pronto al successo?

Guarda, in realtà non sono disposta a niente... se le cose continueranno ad andare bene, sarò felicissima. Se dovrò scendere a compromessi per continuare, vorrà dire che sarà giunto il momento di lasciare questa “carriera” e dedicarsi ad altro.

Come ti relazioni col tuo corpo? Si dice che le modelle siano le prime severe critiche di se stesse…

Sono molto critica riguardo a me stessa. Mi vedo grassoccia, imperfetta, inadeguata. Però posso dirti che fare foto mi ha aiutata a stare meglio anche da questo punto di vista.

Qual è la parte del tuo corpo che ti piace di più, e perchè? Vietato dire “gli occhi”, perchè se la cavano tutte così! :-)

Il seno (potrebbe essere più abbondante, ma mi accontento della mia terza). Se proprio devo evitare di dire gli occhi! E anche le spalle... mi piacciono, sono belle larghe, proporzionate rispetto al resto del corpo.

E quella che ti piace meno?

Beh, a parte il naso... i polpacci... sono orribili, infatti evito sempre di mettere gonne... non sono femminili, sono da calciatore!

C'è qualcosa del tuo percorso di vita che non rifaresti o che affronteresti in maniera differente?

Se è una domanda “generale”, allora posso dirti che cambierei il mio percorso di studi... eviterei ragioneria (che ho finito con scarsi risultati). Poi a conti fatti mi sarei risparmiata volentieri tanti litigi con la mia immagine allo specchio...

A tuo parere, cosa apprezzano di più in te i tuoi ammiratori?

A quanto mi dicono, gli occhi! Però ammetto che quando arriva qualcuno che mi dice “sì, sei bella, ok, ma le tue foto sono spettacolari, si vede l'impegno che ci metti!” allora mi parte un sorriso a 32 denti.

Ci diresti qualcosa di te che ancora nessuno immagina? Una dichiarazione in esclusiva, insomma.

Da piccola ero la più brutta della classe! Oddio, magari la più brutta no, ma ci andavo vicino!

Riesci a instaurare rapporti migliori con gli uomini o con le donne?

Con entrambi... magari non ho tante amiche, ma mi piacciono moltissimo. Con gli uomini mi trovo divinamente, mi piace scherzare, bere, prendermi e prenderli in giro (in modo carino!).

Una domanda insolita: qual è il libro che hai attualmente sul comodino, e quale canzone ascolti più spesso in questi giorni?

Bella domanda. Lavorando tutto il giorno davanti a un pc, è difficile arrivare a sera e mettersi a leggere una pagina di un buon libro. In questo momento sul mio comodino c'è “La ragazza dei miei sogni” di Francesco Dimitri. È un regalo, e non vedo l'ora di leggerlo. Per quanto riguarda le canzoni, in questo momento sono fissata con TZDV dei Faderhead. Ma ascolto spesso (in anteprima) anche una canzone degli XP8 che gli altri potranno ascoltare solo l'anno prossimo!

Qual è il tuo più grande sogno, personale o professionale?

Devo dire la verità, tutti i miei sogni o quello che volevo realizzare l'ho realizzato: volevo fare la suicidegirl, e lo sono diventata, volevo laurearmi e l'ho fatto, volevo lavorare nel campo della moda e l'ho fatto (salvo poi scappare, ma questo è un altro discorso!). Ripeto, ora mi piacerebbe moltissimo cominciare a scattare foto... vedremo come va!

Come deve essere il tuo uomo ideale? L'hai già trovato o resta ancora un'aspirazione?

Ogni volta che descrivo il mio uomo ideale, mi sento dire “ma stai scherzando?”. Comunque, fisicamente mi piacciono gli uomini in... “leggero” sovrappeso, meglio ancora se rasati a zero. Caratterialmente devono essere dolci, comprensivi e disponibili, altrimenti non fanno per me. Se aggiungi qualche elemento nerd, ovvero passione per i fumetti, videogiochi o cose simili, ecco descritto il mio uomo ideale. E sì, al momento sono felicemente “accasata”.

Se vuoi, fai una dedica ai nostri lettori...

Per chi non l'avesse fatto, consiglio di dare un'occhiata alle mie foto! Un grosso bacio a tutti!

Per approfondire:




Nessun commento: